0381. Il silenzio

Abbiamo tracciato scie, le abbiamo infiammate tra le risa.
Occhiate taglienti, profonde come il lago, percorrono le forme
mostrando il contrario di tutto.
Vecchi libri prendono muffa. Vapore d’alcol eccita il respiro.
La veranda crolla, un pannello ci fa scudo.
Nella luce turchese ogni battito vibra per sé.
Il silenzio non ci accomuna.
Solo il tempo ci ha relegati qui.

* * *

Foto ottica. Sul walkman gira: La baronessa e il calamaio, Daniil Kharms.

Uscita fuori

Come il titolo dell’articolo vi avrà indotto a supporre, c’è qualcosa che sento il bisogno di confessare. Chiunque legga questo blog sa che non si tratta di un blog di confessioni, eppure c’è una confessione che dev’essere fatta. Per troppo tempo, infatti, essa è rimasta chiusa nell’armadietto della vergogna.

Inevitabile, per chiunque si trovi in rete a confessare qualcosa di importante, ma scabroso, il confronto con il blog di Ysingrinus, un luogo elettivo in cui l’inconfessabile viene puntualmente uscito fuori con effetti forse catartici, forse educativi, forse distruttivi. A voi popoli della rete di farvi, per una volta, un’opinione matura.

Inutile girarci intorno, tergiversare citando i mostri sacri della confessione. La verità è che io ho un’esigenza, oppure un vizio, che non saprei e forse non vorrei superare. Questa abominevole consuetudine ce l’ho da quando, anni fa, un’azienda di trasporti su gomma mi rivolse un omaggio, dall’apparenza innocente, che decisi di provare senza pensare troppo alle conseguenze. Sebbene non fossi poi così ingenuo, ero comunque giovane e privo di pregiudizi. Se le parole non escono facilmente, lasciamo che siano le immagini ad esplicitare impietosamente ciò che non si riesce a descrivere (ho le mani che tremano sulla tastiera; sordi singhiozzi spezzano il mio respiro).

Questo è ciò che talvolta non posso fare a meno di indossare, ben sapendo di gridare al mondo un vizio inaccettabile e di attirare sulla mia sciagurata persona il biasimo e la condanna delle donne e degli uomini “normali”.

Se il primo borsello della mia vita era un semplice omaggio, non così ben fatto, l’oggetto ritratto dalla foto raggiunge alti livelli di funzionalità. La tasca anteriore infatti ha l’ampiezza esatta del mio portafogli, ed anche lo spessore (ridotto) del mio effetto personale trova l’esatta corrispondenza nell’alloggio del vergognoso accessorio a tracolla.

La tasca posteriore, invece, è stata studiata per contenere esattamente il mazzo di chiavi, indispensabile per aprire le porte chiuse.

Osservando l’interno del borsello è possibile notare la razionale suddivisione dello spazio in due scomparti per poter isolare il telefonino intelligente da altri oggetti che potrebbero graffiare o lesionare la sua superficie toccabile.

Borsello e risvoltino per sedare gli entusiasmi delle groupjes

So che sembrerà una scusa ignobile, ma se volessi mettere tutto in tasca non riuscirei a camminare e al primo movimento inconsueto finirei per conficcarmi le chiavi nelle chiappe o, peggio, in zone più sensibili.

Il mondo di oggi è ormai un posto complesso che richiede all’artista di portare costantemente con sé una serie di oggetti che solo 10 anni fa erano inimmaginabili. Il mondo di oggi è un’entità che complotta per rendere gli artisti poco figosi. Questa è la realtà che abbiamo costruito e dobbiamo accettarlo, artisti e non artisti, con la rassegnata umiltà di chi sa di avere fatto spazio al peccato.

www.unartistaminimalista.com