Canneti

In strada ci sono i lavori. Una sottile pioggia di fine autunno. Una gru deposita un enorme tubo.
Resto adagiato in un angolo del balcone, il taccuino aperto, la penna in bilico su una sbarra della ringhiera. Vapori azzurri discendono ad ondate, cancellano le case.

Il mondo deve essersi fermato. Sediamo ai bordi del lago, i canneti in lontananza. L’85 tornerà a ripetersi in eterno, non moriremo e non rinasceremo, e le tue porte non si spezzeranno mai.

Da ragazzi seguivamo un rito: sputavamo sincronamente il primo sorso di birra, facendone un ampio spruzzo ed offrendolo ad entità ambigue e piene di dubbi.
Pensavamo di non essere ascoltati, ma sorsero dal ricordo paesaggi incorrotti e di insoluta bellezza.
Saremo spazzati via dal dio senza nome.

* * *

Foto: Gardaland. Scattato con drone volante.
Il diffusore seleziona: Through hollow lands

Advertisements

46 thoughts on “Canneti

  1. La gente vanno nei canneti a farsi le canne. Comunque un amico mi raccontò che una volta a Napoli per una mostra Brian Eno sembrava molto interessato allo stato civile di Maria Nazionale; tienilo presente se vorrai scrivere la sua autobiografia ovviamente non autorizzata.

    Liked by 1 person

  2. Gardaland 😀
    Bellissimo, mi ricorda quando mi vengono in mente spezzoni visivi dal passato mentre sto facendo qualcosa e non ci penso volontariamente, e magari sono spezzoni che avevo trascurato di ricordare coscientemente.

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s