Dalla boccia di vetro l’acqua va a riempire la colonna, entro cui cade un fiotto di sangue
che va a diluirsi. Un tubicino del dispositivo per la trasfusione si allenta, e una
finissima pioggia di sangue inizia a cadere su tutti i presenti. Sento le goccioline sul volto.

www.unartistaminimalista.com

Advertisements

19 thoughts on “Spread your world (spread your legs)

                1. Un Artista Minimalista Post author

                  Evitare l’abisso è forse ancora più saggio, ma difficile quando si è grandi artisti.
                  A questo punto si può parlare fuori di metafora, il lettore si è già stancato 7-8 parole fa: è difficilissimo mantenere la castità, io ormai ci riesco da 6 anni ma è un assalto continuo di gente che vuole farti suo, che vuole essere speciale. Ma tu, questo, lo conosci fin troppo.

                  Like

                  Reply
                    1. Un Artista Minimalista Post author

                      Scopare non serve a marcare una proprietà, la gente non lo sa capire e accettare. E’ solo uno spreco di energie che non ci sono, che prendiamo in prestito all’universo e che non sapremo pagare. Un vero artista evita accuratamente l’energia, ignora completamente l’idea di fare.

                      Like

  1. momix

    Sono arrivata oltre la metafora…
    …appena in tempo!
    Stavate scivolando nell’abisso!
    Presi!
    Devo dire che del post ho capito solo il titolo…e anche i commenti però.

    Like

    Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s