Viaggio nella superstizione

Oltre il concetto di morte giace il concetto di vita. E’ scritto nella cellula ciò che è il programma. Difficile evadere.
Senza dubbio esistono paure così profonde, tanto solide e pesanti da essere tangibili ed assumere vita propria
di entità opprimenti, spiriti maligni. Difficile scappare.

Sullo schermo un cosmologo descrive l’universo: il creatore senza volto, come raffigurato, sorregge e mostra
un ovale nero, traslucido, il cosmo, in cui nuotano formicolanti, piccolissimi uomini, come batteri, protozoi, spermatozoi;
significa:
“L’universo vi appartiene; è vostro; ma voi siete miei.”

Sul momento ho avuto paura; credo sia stato uno show di luci.
Con voce tonante rimbombano le ere, e chi può capirle; ma questo è adesso, e gli spiriti sono padroni. Quanto al
domani, decideranno loro.

Mi sorprendo a denigrare l’ordine delle cose, infine, non bastassero gli orrori del clima sconvolto.

Advertisements

17 thoughts on “Viaggio nella superstizione

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s