Ora, dissipato il comprensibile clamore per la morte di David Bowie, posso esprimere più chiaramente a me stesso un senso di vuoto per la perdita di uno spirito inesauribile, un riferimento vitale, spesso incompreso, sedimentato nel panorama emotivo di miliardi di persone focalizzate e di coglioni senza meta.
Mi verrebbe da mandare affanculo la morte, privatrice di ogni compimento, ma anche di essa non possiamo fare a meno.

Advertisements

42 thoughts on “Not again

            1. Un Artista Minimalista Post author

              Dicevo solo per cercare di scuotere il popolo, sebbene sia impossibile accostare il nobile ed il plebeo. Una semplificazione bella e buona per aiutare il volgo. Un atto di carità che ho concesso pur sapendo di scrivere un’inesattezza indegna di me. Ma l’umiltà suprema è anche questo.

              Like

              Reply
  1. beebeep74

    comunque, nel trambusto generale, ho dimenticato di applaudire la tua sensibilità nell’utilizzare 69 parole per un post tanto intimo.

    Like

    Reply
    1. Un Artista Minimalista Post author

      Capperi, grazie per avere fatto il conto scoprendo un dettaglio così importante!
      Ciò che è scritto appartiente tanto allo scrittore quanto al lettore e nessuno lo conosce davvero. Spaventoso, eh?

      Like

      Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s