To distant things

Sono un artista abituato ad essere scoperto dopo morto

www.unartistaminimalista.com

Advertisements

36 thoughts on “To distant things

          1. Al massimo puoi collegare i vari miliardi di meritati complimenti e dire che è la tua autobiografia. O farlo fare da qualcuno se sei troppo debosciato. O ancora far scrivere che la tua vita è un complimento continuo ma sei troppo debosciato per scriverlo.

            Liked by 1 person

            1. Vorrei evitare di ricorrere ad uno scrittore fantasma, non vorrei che la mia autobiografia assomigliasse a quella di Fedez o Lorenzo Cherubini

              DIDASCALIA
              Se tra i lettori ci sono fans degli artisti che ho citato, spero mi perdonino. Ho citato le prime 2 pops stars che mi sono venute in mente.

              Like

                1. Come spiegavo ai lettori meno perspicaci, l’ho citato più o meno solo per attualità. Non sono favorevole né contrario a Fedez, né a Yovanottyj, non me ne frega un cazzo di loro. Non me ne frega un cazzo di niente!

                  Like

                    1. Il mio atteggiamento è il mio capolavoro più immenso e meno laborioso. Del resto, essere un genio significa proprio questo: partorire stronzate approssimative tra un’overdose ed un’orgia intrapresa controvoglia, ed elevarle all’immortalità. Povero, inarrivabile me!

                      Like

  1. Fluttuo con piacere grande nella tua fotografia molto bella.
    E intanto penso che tu hai una consapevolezza della tua vita che…
    gb:)

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s