Separazione

A Venezia conoscevo un tizio, un genio come me. Scherniva la concezione univoca, statica della verità.
Si opponeva alla realtà empirica come l’unica considerabile; incarnava il concetto girando vestito come un agente del non giudizio, l’occhio destro coperto da una foglia e una cicatrice verde tracciata attraverso il collo.
Anche in casa manteneva il costume, non lo riponeva nemmeno per dormire. Aveva cambiato il proprio nome all’anagrafe, elaborato una formalità che non trasgrediva mai. Questo era il suo modo di vivere.
Disponeva di un arsenale in cui non mancavano argomenti scientifici – non poteva considerarli seriamente, tuttavia sapeva opporli alle dottrine assolutiste. Immune ad ogni forma di idealismo, ergeva difese formidabili alle tentazioni materialiste, meccaniciste, deterministe: innumerevoli visioni possono essere accettate o rigettate, posti i relativi assiomi. Tutto, lo stesso relativismo, può essere ridotto a un atto di fede.

Non vi è un solo modo di vedere le cose. Vi sono infiniti piani di osservazione, e ciò che è vero in un dato livello è irrilevante nel precedente e del tutto falso nel successivo.

Stava da solo, provvedeva a tutto; sapeva conciliare la pratica del vivere alle astrazioni lontane come nebulose appena formate.
Aderì allo schema così a fondo che divenne una ripetizione inconsapevole, forse un’abitudine. Credette al nuovo ordine, perché rispecchiava la propria natura, anzi ne discendeva.
Scrisse le verità che voleva conoscere, le leggi che intendeva osservare, perché ognuno crea un mondo a sua immagine e vi mette radici, se ne ha la forza.
Si aggrappò all’infanzia, alla vecchiaia, all’eco dell’antichità. Li piegò a sé, a loro piegò se stesso. Si servì delle idee, e di alcune divenne servo.
Cadde come un eroe misero e ridicolo, una figura qualunque, compressa e dalla mente rotta, cui ancora rendo omaggio, sebbene non lo conoscessi, né creda alla sua storia.

Advertisements

46 thoughts on “Separazione

        1. Provo a rispondere rispondendo che a mio avviso non aderisco al minimalismo nel senso di corrente minimalista, è più un’attitudine che mi conferisce il nome, o forse è il nome che mi conferisce un’attitudine.
          Forse né il minimalismo né la sacralità spiegano!

          Like

  1. Fantastico! Geniale! Profetico! Questa considerazione del Vero mi ha sempre affascinato, cerco di applicarla con impegno.

    Like

          1. L’eroismo del non eroe, eleva l’antieroe in eroe o in qualcosa di più. Quindi ve ne molto, forse troppo.

            Like

              1. Non è più antieroe ma può scegliere di esserlo, diventando un qualcosa in più sia dell’eroe che dell’antieroe. Diventa divino.

                Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s