Ma quale innocenza?

www.unartistaminimalista.com

Advertisements

25 thoughts on “Last winter in England

                    1. Un Artista Minimalista Post author

                      Effettivamente è una cosa che non faccio mai in modo organico. Però, quando un ammasso di idee raggiunge una massa critica, sempre ne nasce un’immagine o un testo che lo esprime in modo liberatorio. A quel punto l’idea può andare per conto suo, la saluto commosso e mi scaldo una birra.

                      Like

                    2. ysingrinus

                      Quindi credi che non ne scriverai? Chissà che non lo faccia io, sorseggiando una birra calda. Birra calda che ho bevuto l’altra sera, ieri purtroppo la birra me l’hanno offerta fresca.

                      Like

                    3. Un Artista Minimalista Post author

                      Mi auguro che tu lo faccia! Se anch’io lo farò, probabilmente sarà per immagini, ma non si sa mai.

                      Ieri ho bevuto una birra calda inquietante: conteneva così tanto gas che fino alla fine, nell’abbassare la bottiglia dopo averla ciucciata, erompeva un vulcano di schiuma. Ogni sorso, in bocca, generava un volume di schiuma tale da fare allargare le guance (“a criceto”). Temevo che sarei morto per dilatazione dell’addome, invece stranamente una volta ingerita non produceva effetti. La birra si chiama “birra normale”, questo è proprio il suo nome.

                      Like

                    4. Un Artista Minimalista Post author

                      Al primo sorso la birra è letteralmente esplosa, un fiume di schiuma mi è caduto addosso bagnandomi giacca, pantaloni e mutande.
                      Scegli distrattamente una birra da uno scaffale qualunque di supermercato e ti ritrovi in situazioni surreali e pazzesche.

                      Like

        1. Un Artista Minimalista Post author

          No, purtroppo dobbiamo fare a meno del confronto.

          Però molti indossano la nudità come una maschera suprema. Sui social network la gente mette foto svesite (non troppo, perché se no ti segnalano e la censura interviene a proteggerci), ma non troppo sincere, per dire.

          Like

          Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s