La nuova stagione

L’azione è tronca. Il gesto echeggia incompiuto nella stanza. E’ una nuova stagione di solitudine.
Prendo il treno verso la città. Ho inventato una meta e uno scopo; ad essi mi sostengo.

Seduto sulla stessa panchina, all’ombra degli aceri mi lascerò dissolvere fissando il piano del
mezzogiorno. Una birra calda è il sentimento incorrotto, nascosto agli occhi come il mistero più sacro.

La vita nasce dal fuoco. La vita perisce nel fuoco.
Ho la malattia del ricordo.

Advertisements

36 thoughts on “La nuova stagione

        1. Un Artista Minimalista Post author

          Sognavo di ricevere un giorno questa domanda, ma temevo fosse Marzullo a rivolgermela. Allora, secondo me la birra calda è un’atmosfera magica, ma allo stesso tempo estremamente terrena (infatti se ne bevi tanta ricevi il dono della caduta e dell’orizzontalità, la vera condizione naturale dell’uomo)

          Like

          Reply
          1. ysingrinus

            Marzullo ha insegnato molto a tutti ed ancora ha da insegnare a mio modesto avviso.
            La birra calda cela dunque al suo interno due nature, una magica ed una terrena, come l’uomo dunque. La birra calda è l’uomo? Mi viene in mente un mio articolo precedente, un manifesto…

            Like

            Reply
                1. Un Artista Minimalista Post author

                  Rubens ha sostenuto tutte le tesi, ogni volta dichiarando in un salotto televisivo di essersi per la prima volta sbagliato e piangendo in diretta lacrime sincere, inconsolabili, stretto tra le impotenti cure delle sue giovani collaboratrici.

                  Like

                  Reply
              1. ysingrinus

                Lo posso rimediare, ma era quello sul sogno cronemberghiano (sono convinto che l’aggettivo derivante da Cronenberg debba avere la “m” a precedere la “b”), non so se ricordi…

                Like

                Reply
                1. Un Artista Minimalista Post author

                  Ah certo! Di quella discussione mi sono rimaste tante immagini e poco concetto. Mettere la m significherebbe italianizzare la parte inglese del neologismo, è un’alternativa che potrei accettare. La forma estrema italianizzata potrebbe essere forse “cittàdellecoroniano” (non so una sillaba di tedesco, ho sparato a caso, chiedo perdono!)

                  Like

                  Reply
                  1. ysingrinus

                    Potrebbe essere ma non devo rivelare ciò che so e non so sulle lingue. Ho come l’impressione che certe parole quando perdono la proprietà del nome debbano essere italianizzate.
                    Il concetto era alla base delle immagini, avendo le immagini puoi risalire facilmente al concetto!

                    Like

                    Reply
                    1. Un Artista Minimalista Post author

                      Io lo intuisco razionalmente perché sono speciale, ma non mi sono mai montato la testa, anzi sono la persona più umile del mondo, un titano incommensurabile di umiltà

                      Like

    1. Un Artista Minimalista Post author

      L’unica cosa che mi è piaciuta è stato fotografare i cantieri e correre in bici la domenica sull’autostrada in costruzione. A quel punto, per quanto mi riguarda, potevano anche smontarla e rimettere a posto, ma non è andata così.

      Like

      Reply
        1. Un Artista Minimalista Post author

          Anche a me piacciono molto i cantieri, per questo vado a farci foto, anche se contrasta col fatto che il paesaggio precedente l’ho molto amato. Insomma, credo che il futuro siano cantieri smontabili.

          Like

          Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s