Autoritratto con morte

Reazioni chimiche disperate. Matrimoni falliti. Ultimamente mi sembri un pò distratta.

Nell’angolo dello specchio c’è la morte. Ho paura di perderti; del resto non mi curo da tempo.
Preparo la cena e tu non ci sei, e forse neanch’io mangerò molto. Dio, che orrore le sigarette.
Ho sbagliato tutto.

Un tipo fuma nel chiostro – attraversa il suo vapore e la mia concentrazione imperfetta. Il colletto
mi stringe sul mal di gola. La nebbia manda propaggini bianche, bagnate. Due conifere svettano
e sbiadiscono.
Il clima si riscalda. Meglio essere freddini.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s